BIMBO DIMENTICATO SULLO SCUOLABUS A TREVISO: PER FORTUNA STA BENE!

Se segui le nostre news, sai che la cronaca continua a proporci notizie a dir poco preoccupanti relative a bambini dimenticati in auto, spesso con conseguenze tragiche.

In questo caso, per fortuna, c’è il lieto fine… ma l’episodio è a dir poco surreale. Parliamo infatti di un bimbo di 6 anni dimenticato sullo scuolabus che lo stava riaccompagnando a casa.

I fatti. Venerdì 18 settembre, vicino a Treviso, il piccolo era a bordo del bus che fa servizio per alcuni istituti scolastici a cavallo tra le province di Venezia e Treviso. Stava rientrando dopo la scuola insieme a tanti altri studenti, ma durante il tragitto si è addormentato.

Sull’autobus, oltre all’autista, era presente un’operatrice che segue i bambini durante gli spostamenti. Quando il mezzo ha terminato la sua corsa ed è arrivato in deposito, nessuno dei due si è reso conto della presenza del passeggero a bordo.

Un brutto risveglio per il piccolo studente che si è ritrovato da solo a bordo del mezzo chiuso e parcheggiato in deposito. Per fortuna coraggio e spirito di iniziativa non gli sono mancati: compresa la situazione, ha preso il martelletto di sicurezza, ha sfondato il vetro ed è uscito procurandosi solo qualche lieve graffio. Per poi venire subito notato da alcuni passanti che hanno provveduto ad avvertire i genitori e a metterlo in sicurezza.

Tutto è bene quel che finisce bene? Certo che sì, ma anche questo episodio potrebbe essere riconducibile al fenomeno dell’amnesia dissociativa di cui vi abbiamo spesso parlato. Un black out della mente che si convince di aver compiuto un’azione (spesso di routine, ripetuta tutti i giorni da anni) anche se così non è. Un’azione come controllare che tutti i bambini siano scesi dall’autobus e arrivati a destinazione, ad esempio.

 È il momento di immaginare un’estensione dei sistemi anti abbandono come Tippy Pad ad autobus e altri mezzi di trasporto collettivo? Di certo non si è mai troppo puntigliosi quando si tratta della sicurezza dei bambini, quindi perché no?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin